Ultimi post

I più venduti

THC

332 Visualizzazioni 60È piaciuto
1 Commento
Rating:
5.0
 

THC - Cos'è il THC delta 9 tetraidrocannabinolo?

Scopriamo insieme tutto ciò che riguarda questo stupendo o "stupefacente" cannnabinoide derivato dalla pianta di Cannabis.

Il delta-9-tetraidrocannabinolo (più comunemente noto come THC) è una sostanza psicotropa prodotta dalle piante di Marijuana.

La sua composizione molecolare è molto simile a quella del CBD con delle differenze fondamentali che li distinguono.

Stiamo parlando di uno dei più importanti fitocannabinoidi presenti nelle cime della Cannabis THC in grado di provocare una serie di effetti sul nostro organismo.

 

Dove possiamo trovare il THC?

Come abbiamo già anticipato sopra, il THC (come il CBD e HHC) deriva dalla pianta di Marijuana THC e dalle sue infiorescenze. I tricomi, presenti nelle cime di questa cannabacea, producono una resina ricca di molti principi attivi. Proprio essiccando e trattando le sue cime nascono i prodotti che poi verranno usati dai consumatori.

Le piante di Canapa indiana (o Marijuana THC ) sono di varie misure e presentano percentuali differenti di THC e CBD. Queste caratteristiche ci portano a differenziarle in: Sativa, Indica e Ruderalis (molto più rara e meno conosciuta).

Quello che ci interessa a noi è ricavare diverse tipologie di ganja dalle differenti varietà di piante di Cannabis che abbiamo elencato sopra. È importante sapere che il THC è una sostanza utilizzata per vari scopi. Se la concentrazione di questo fitocannabinoide è alta viene usata per scopi ricreativi (illegali), se è bassa per scopi curativi.

Nella sua forma più pura e tenuto a basse temperature, il THC si presenta come un cristallo rosato mentre, se riscaldato, diventa viscoso e appiccicoso.

Proprio grazie alla lavorazione della resina ricavata dalle Infiorescenze ( anche se altre parti della pianta potrebbero essere coinvolte) prende vita l'Hashish.

 

Tipologie di piante

Analizziamo in questo paragrafo i tre principali tipi di piante che precedentemente abbiamo nominato. Partiamo da quella che contiene la maggior percentuale del protagonista di questo blog il THC fino a parlare di quella con il minor contenuto. Questa chiaramente è una classificazione molto ridotta perché le varietà di Erba sono di gran lunga più numerose.

 

THC in Cannabis Sativa

La MarijuanaErba Sativa può superare i cinque metri di altezza. Questo genere di pianta è anche riconoscibile grazie alle sue foglie sottili e appuntite. Ha una resa molto elevata e di solito possiede un’alta concentrazione di THC canapa  e un basso livello di CBD. Il tempo di fioritura è di circa 10-16 settimane.

 

THC in Cannabis Indica

Cespugliosa con foglie larghe e corte, così si presenta generalmente la Cannabis indica La sua percentuale di CBD è più elevata rispetto alla Cannabis Sativa. I suoi fiori maturano in circa 7/9 settimane le piante di cannabis indica raggiungono altezze di max 2,5mt in outdoor

 

THC in Cannabis Ruderalis

La Cannabis Ruderalis è la “piccolina” del gruppo. Le sue foglie sono corte e ricorda un mini cespuglio con un altezza massima di 1,5metri. Ha basse concentrazioni di THC e CBD e si contraddistingue dall' Indica e dalla Sativa anche per il suo breve periodo di fioritura. Si è adattata ad ambienti non caldissimi e con poca luce. Quello che rende interessante questa Cannabis è che la Ruderalis è una pianta autofiorente, cioè la sua crescita non segue le variazioni del fotoperiodo.

 

Cannabis maschio e Femmina

Le piante di Erba si suddividono anche in altri due generi: maschio e femmina. Il maschio ( con protuberanze verdi) non contiene nessun principio attivo o quasi, mentre la femmina (con filamenti bianchi) produce fiori pieni di resina contenente il THC, il CBD e altri principi attivi.

Quindi chi produce semi di Cannabis, per ottenere una pianta con concentrazioni più o meno elevate di THC tiene in considerazione tutte queste caratteristiche e incrocia le varie tipologie. In questo, modo, al giorno d'oggi, si conoscono più di 40 varietà di piante di THC Marijuana

 

Differenza tra il THC e il CBD

Abbiamo parlato fino ad ora di CBD (visita la sezione dedicata alla vendita nel nostro sito) e THC in Marijuana. Che differenza c'è tra questi due tipi di fitocannabinoidi? Essendo tutti e due membri della stessa famiglia chiaramente presentano una composizione molecolare simile. Non lasciatevi ingannare però perché sono molto diversi nel modo di interagire con i recettori del nostro sistema endocannabinoide.

Il THC,infatti, si lega ai recettori CB1 che sono presenti principalmente nel sistema nervoso centrale. Per questo motivo il THC ha effetti sulla mente della persona provocando euforia, rilassamento e probabile perdita della percezione spazio-temporale ( se assunto in grandi quantità).

Il CBD invece, si lega ai recettori CB2 che si trovano nel nostro sistema periferico e influenzano, le ossa i muscoli e il sistema immunitario. Per questo il CBD non ha effetti psicoattivi e contrasta anche gli effetti psicotropi del THC.

Entrambi possono aiutare nel trattamento di diverse patologie al di fuori delle discussioni e controversie sociali, politiche ed etiche sull'uso della Cannabis. Infatti per migliaia di anni, la Marijuana veniva utilizzata come pianta curativa e oggi i suoi fitocannabinoidi ( come il THC e CBD) o cannabinoidi sintetici vengono usati per la creazione di alcuni farmaci.

 

THC in medicina

Come abbiamo accennato, la Canapa Indiana (o Marijuana), può essere usata per la cura di diversi disturbi. Ne elenchiamo qualcuno per darvi un idea:

  • nausea e vomito
  • anoressia o perdita di appetito
  • sclerosi multipla
  • glaucoma
  • epilessia
  • asma
  • cancro
  • terapia del dolore
  • sindrome di Tourette
  • artrite reumatoide
  • malattie autoimmuni
  • malattie neurodegenerative (come l'Alzheimer e il Parkinson)
  • patologie cardiovascolari
  • sindromi ansioso-depressive
  • sindrome di astinenza nelle dipendenze da sostanze

 

La Marijuana viene usata anche per diminuire il dolore e per questo alcuni fanno uso di Cannabis Light che presenta un alto contenuto di CBD e uno scarso contenuto di THC.

Si testano di continuo nuovi farmaci con i principi attivi della Marijuana. Dal 2010 anche l'Italia ha iniziato a produrne alcuni tipi che prima importava dall'estero. Questi farmici si acquistano in farmacia con una specifica prescrizione medica.

Metodi di assunzione THC

Può essere ingerito disciolto in liquidi come il latte e il burro (adiposi), ma non in acqua vista la sua scarsa solubilità in questo elemento. Comunemente viene fumato ( il famoso spinello) o inalato grazie ad un vaporizzatore.

 

Il THC crea dipendenza?

Come per tutte le cose l'abuso di questa sostanza non fa bene all'organismo. Non sono mai stati registrati casi di morte per overdose solo con l'assunzione dell'Erba figuriamoci con la Cannabis Legale  Chiaramente essendo il THC una sostanza che interagisce con l'umore, anche se le crisi di astinenza fisiche sono quasi impercettibili, la dipendenza psicologica è molto probabile.

Pensiamo comunque che la dipendenza da nicotina non ha niente da invidiare a quella da Marijuana. Ricordiamo che c'è Canapa e Canapa. Possiamo beneficiare di alcuni effetti positivi della Marijuana (senza la paura delle dipendenze) usando la Cannabis Light.

 
Questo post sul blog ti è stato utile?
Pubblicato in: Cannabis Legale

Lascia un commento

Codice di sicurezza

Commenti

  • Effetti HHC? SI sentono e Come....
    Da:Rossano Viterbo In 04/09/2022
    Rating:
    5.0

    Abbiamo provato con 3 miei amici questa nuova Marijuana legale con CBD + HHC...Essendo 3 fumatori da oltre 20 anni di sole primizie (a buon intenditor poche parole) con alle spalle circa 8/12 joint fissi al giorno abbiamo deciso di volerla testare......beh amici miei è come dicono.....ANZI forse qualcosa in più.....Ti coglie eccome....grazie xxxjoint.it il top per l erba legale